La Collina degli Elfi

Dona ora

È scientificamente provato che la Collina degli elfi…fa bene ai bambini 

Se qualcuno vi chiedesse “come ti vedi tra tre anni?” che cosa rispondereste?
A noi è stato domandato tre stagioni fa e, per quanto ci fossimo impegnati nel rispondere, la realtà ha di gran lunga superato le aspettative. Come capita in queste occasioni, nel 2019 erano i sogni a guidarci, e tutto si celava ancora dietro ad un misterioso velo di novità ed incognite.
Ci siamo goduti il momento, mentre vedevamo evolvere alcune delle caratteristiche storiche del nostro operato in Collina. Si è infatti fatta strada una grande novità: l’assegnazione di un bando ministeriale ha permesso di consolidare l’operato di professionisti e terapeuti per alcune delle attività svolte in Collina. La settimana di soggiorno, oltre a costituire un’occasione di crescita e di ritorno alla normalità, offre così interventi specifici di recupero psicofisico e di riflessione sulle interazioni familiari.

Gran parte delle attività del calendario settimanale sono rimaste per lo più immutate, molte se ne sono aggiunte, ma per alcune si sono costruiti schemi di osservazione e di monitoraggio terapeutico che permettono di verificarne l’efficacia.

Per esempio, l’attività con i nostri cavalli, che da un decennio allieta i bambini e li fa sentire forti e coraggiosi, è stata strutturata maggiormente con IAA eseguiti da professionisti riconosciuti ed iscritti al Registro Regionale, proprio come quella con i cani. Le divertenti e liberatorie sedute di yoga della risata sono state tenute da esperti in psicomotricità e i momenti di gioco più distensivo sono diventati sede di osservazione da parte di educatori esperti. Grazie a loro si monitora l’effettivo miglioramento delle attitudini relazionali e la condizione generale dei bambini.
Il ruolo dei volontari, sempre intenso e fondamentale, è stato incentrato sull’accompagnamento nelle attività e sull’organizzazione della giornata.
Ma ciò che caratterizza Collina è l’attenzione “terapeutica” che ognuno ha nei confronti delle nostre famiglie. Lo stare insieme, il condividere momenti di gioco e di chiacchiere, l’impegno affinché ognuno si trovi a proprio agio sono occasioni importanti per promuovere il benessere.

Abbiamo dunque operato una svolta sul piano scientifico, abbiamo reso la Collina degli elfi un luogo magico non solo per le famiglie che ne fanno esperienza diretta, ma anche per chi, da fuori, si affaccia al nostro mondo e può ora leggervi accuratezza di fatti e dati.
La Collina è diventata una struttura terapeutica, che costituisce per le famiglie una fase di riabilitazione e di recupero, successiva alle cure ospedaliere.
Di tutto ciò si è esposto e discusso presso il Convegno Nazionale tenutosi a Torino lo scorso 20 maggio “Il bambino malato di cancro e la sua famiglia: dalla cura alla riabilitazione psicofisica”. Quale miglior maniera di festeggiare il nostro decimo anno di accoglienza?
Il convegno è stato campo di confronto interdisciplinare e di largo respiro.
Per noi raccontare quanto è avvenuto in questi tre anni non è stata solo l’occasione di illustrare “Ti regalo anche le stelle”, ma anche e soprattutto di esporre con orgoglio quello che si è materializzato e che si chiama ora in tutta Italia “Modello Collina”.